Le Grandi Recensioni

Jimi Hendrix, una foschia rosso porpora

Posted in libri, musica by Ares on ottobre 2, 2017

Questa probabilmente è la miglior biografia mai scritta su Jimi Hendrix. Un lavoro meticoloso e maniacale, frutto di interviste con i protagonisti dell’epoca (musicisti, produttori, familiari, uomini e donne che hanno accompagnato l’artista durante la sua purtroppo breve vita) e con un sacco di citazioni prese da interviste realmente concesse da Hendrix stesso.

Gli autori (Harry Shapiro e Caesar Glebeek) sono riusciti a produrre un ritratto piuttosto completo dell’uomo e dell’artista (anche se in alcuni punti sembra un po’ datato: la prima edizione è del 1990, ci sono stati aggiornamenti ma a mio parere dovrebbe essere rivisto tutto quello che è successo negli ultimi 20 anni): l’infanzia e l’adolescenza a Seattle, l’ambiente familiare, i rapporto col padre e il resto della famiglia, la permanenza nell’esercito prima di iniziare una carriera da musicista tanto rapida quanto rivoluzionaria fino alla prematura scomparsa. Non vengono dati giudizi definitivi, vengono solo esposti i fatti e in alcuni csi si hanno diverse versioni così che ognuno possa poi farsi una propria opinione. Poche foto, ma ce ne sono già tantissime in giro e nei booklet dei tanti tanti album pubblicati fino ad oggi, quindi non è un grosso problema. Da segnalare anche un’interessante sezione tecnica con l’elenco di tutte le chitarre e le attrezzature usate sia dal vivo che in studio.

Edizioni Arcana, prezzo variabile (in rete si trova a meno di 10€), godimento assicurato.

Che aspettate?

Annunci
Tagged with: ,

Jimi Hendrix Experience – Atlanta Pop Festival

Posted in concerti, dischi, musica by Ares on settembre 3, 2015

L’ultimo regalo dall’archivio dei live di Jimi Hendrix.

JHEAtlanta
Perché importante? Perché questo concerto precede la già mitica esibizione del Festival dell’isola di Wight (uno degli ultimi concerti di Hendrix) e perché l’Atlanta Pop Festival del 1970 fu l’ultimo grande evento musicale dell’epoca degli hippie negli Stati Uniti d’America.

L’anno prima c’era stato Woodstock, ma c’era stato anche Altamont (con l’uccisione di un giovane afroamericano – armato di pistola – da parte degli Hell’s Angels – che facevano da “security” – durante l’esibizione dei Rolling Stones); la guerra in Vietnam non accennava a placarsi; le manifestazioni per i diritti civili finivano in un bagno di sangue e a farne le spese erano neri e studenti mentre la polizia rimaneva impunita. Il festival di Atlanta fu un evento pacifico nell’ambito del weekend del 4 luglio e l’apice fu toccato dall’esibizione della Jimi Hendrix Experience. Un’oasi di pace nel profondo sud statunitense mentre attorno gli States attraversavano una delle fasi più difficili della loro storia.

Scaletta con tutto il meglio del repertorio e una band davvero in forma, senza dubbio una delle migliori esibizioni del trio Hendrix-Mitchell-Cox. Ottime versioni di Hear My Train a Comin’, Red House, Stone Free e non manca una notevole Voodoo Chile. Non aggiunge nulla a quanto già conosciamo dell’arte hendrixiana, è solo un’ulteriore testimonianza che non potrà che far felici i tanti devoti fan di uno dei più importanti artisti del XX secolo. A quasi 45 anni dalla sua scomparsa (appena 10 settimane dopo questo concerto) ascoltare Jimi Hendrix è sempre una gioia.

 

 

Tagged with: ,

Jimi Hendrix – People, Hell and Angels

Posted in dischi, musica by Ares on aprile 5, 2013

Sì, va bene, un “nuovo” album di Jimi Hendrix, l’ennesima pubblicazione di materiale inedito o presunto tale.

In realtà si tratta di cose ben conosciute, solo in versione leggermente diversa, molto più funky secondo il percorso che Hendrix aveva iniziato a intraprendere alla fine della sua breve e magnifica carriera.

people-hell-angels

Quindi, perché è bene ascoltare People, Hell & Angels?

Semplice: se venisse ritrovato un capolavoro di Leonardo o Michelangelo o Picasso o qualunque altro grande artista a voi caro, non vorreste vederlo?

Ecco, vengono ritrovate registrazioni di Hendrix sperdute in un cassetto? Che siano pubblicate, non privateci della gioia di ascoltare il migliore…

Jimi Hendrix – Valleys of Neptune

Posted in dischi, musica by Ares on aprile 9, 2010

02/04/2010

Alla fine, era inevitabile, non ho resistito e ho acquistato il “nuovo” disco di Jimi Hendrix.

jimi hendrix valleys of neptune

Lo sto ascoltando in questo momento, sono alla quarta canzone ovvero Hear My Train Comin’ che, ma guarda il caso, ha un assolo di chitarra che mi sta facendo impazzire…

Il piu incredibile genio chitarristico mai apparso in questo universo.
Punto.
Tutta roba registrata nel 1969, anno di piena estasi creativa per Jimi, nuovi pezzi, cover e rivisitazioni di “vecchie” (due anni prima circa…) canzoni.
Fine.

Voto: 10 e lode.

Jimi Hendrix, who else?

Ares

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: