Le Grandi Recensioni

Fiona Apple – The Idler Wheel…

Posted in dischi, musica by Ares on giugno 20, 2012

Allora, il titolo completo è il seguente: “The idler wheel is wiser than the driver of the screw and whipping cords will serve you more than ropes will ever do” (che è comunque più corto del titolo del suo secondo disco).

Nuovo album per quella che considero come la migliore cantautrice degli ultimi 20 o 30 anni. Classe, eleganza, talento, una vena di rabbia e follia che la rendono assolutamente unica, Fiona Apple torna a distanza di 7 anni dall’ultimo lavoro, quell’Extraordinary Machine che era stato pubblicato solo in seguito alle pressanti richieste dei fans.

The Idler Wheel ci presenta un’artista sempre alle prese con i suoi demoni e che affida il suo bisogno di urlare a un semplice tappeto sonoro dominato da pianoforte e percussioni. Arrangiamenti minimal dunque, sui quali lei ricama dei passaggi vocali sempre notevoli cantando disagio e incazzature, a volte inquietanti come “how can I ask anyone to love me when all I do is beg to be left alone” in Left Alone.

Parla d’amore e lotte interiori; pubblica un disco senza avere un vero singolo di lancio (se si esclude il bizzarro video di Every Single Night che apre il disco e ce la presenta emaciata come ai tempi dell’esordio di Tidal (anno 1997) e del pluripremiato singolo Criminal. Il brano d’apertura dice che “every single night is a fight with my brain“, battaglia che si prolunga per tutti i 42 minuti circa dell’album che scivola via catturando l’attenzione ascolto dopo ascolto, in un crescendo che culmina con l’intreccio vocale di Hot Knife.

Non male. E che lei non sia un personaggio facile ce lo raccontano la sua storia e le sue vicissitudini e le numerose interviste che sono state pubblicate di recente.

Qualsiasi cosa lei abbia in mente, qualsiasi problema lei abbia, io spero solo che continui a mettere in musica ogni suo sentimento. Sono disposto ad aspettare altri 7 anni per un suo disco, l’importante è che lei resti così com’è.

Perfetta e bravissima.

Per me questo The Idler Wheel (eccetera) è già un candidato al Disco dell’Anno 2012.

Consigliatissimo.

Annunci

Fiona Apple – Tidal

Posted in dischi, musica by Ares on maggio 18, 2010

Sono già passati 14 anni dall’album d’esordio di una delle cantautrici più talentuose e misteriose che Madre Natura ci ha donato in uno slancio di generosità…

1996, Fiona Apple appare sulle scene con Tidal.

Una teenager che canta in questo modo e scrive in questo modo (non da donna matura, ma da ragazzina che deve avere una gran testa nda) non si sente tanto spesso. Un pop sofisticato che tende al jazz, una manciata di canzoni soffici e intense e a volte incazzate che non lasciano dubbi riguardo il talento di Fiona Apple.

Criminal e Shadowboxer, Sullen Girl, Sleep To Dream e la stupenda Never Is A Promise sono i pezzi migliori e più pregiati di questo esordio a cui sono seguiti solamente altri due album (entrambi notevoli). Fiona Apple è arrivata ben prima di Norah Jones, solo che pochi ne sono a conoscenza, e questo deve farci riflettere: senza nulla togliere alla Jones, qualcuno sa perché mai della Apple si parli poco? E non dite solo perché ci sono voluti quasi dieci anni tra il secondo e  terzo album, non ha senso. Ok, stiamo parando di un’artista lontana dal mainstream e lontana dalle luci inutili di MTV, ma vi sembra giusto che il pubblico la ignori?

Si tratta di una cantautrice atipica: non certo una pazza genialoide alla PJ Harvey o una Joni Mitchell al pianoforte. Piuttosto possiamo indicarla come una versione incazzata e dark di Tori Amos, con una voce più calda e affascinante, in definitiva più brava. Ecco, l’ho detto, e adesso aspetto critiche feroci.

Voto: 7 che s avvicina all’8

Consigliato: a chi ha bisogno del suono del pianoforte.

Tagged with: ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: