Le Grandi Recensioni

Star Wars Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi

Posted in cinema, stroncature by Ares on dicembre 14, 2017

Spoiler a raffica, se non avete visto il film state alla larga.

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…

A questo punto voglio vedere cosa si inventerà la Disney per togliere di mezzo Leia (che comunque finisce nel vuoto dello spazio ma magicamente usa la Forza per volare e tornare a bordo dell’astronave e salvarsi…e già questa è una cazzata micidiale) e concludere la saga (spero una volta per tutte).

Al regista Rian Johnson bastano i primi 5 minuti per far capire che siamo nell’universo Disney, non in quello creato da George Lucas: durante il solito assedio dei cattivi contro i buoni ci viene nuovamente svelato che Hux è uno sfigato imbecille (ma la sua sete di potere ci scommetto sarà utile per sconfiggere il Primo Ordine) e quell’esaltato guerrafondaio di Poe Daemeron si diverte a prenderlo per il culo (prima di lanciarsi in una brillante operazione che finirà col decimare la flotta ribelle, bravo). Ma davvero: le battutine per prenderlo in giro, e fatevela una cazzo di risata! Mancava solo una gag di Paperino ed eravamo a posto. L’ironia e il sarcasmo di Harrison Ford/Han Solo restano inavvicinabili.
Il supermegacattivo Leader Supremo Snoke? Fa la figura dell’imbecille anche lui: legge la mente di Kylo Ren e dice di sapere tutto quello che farà e non si accorge che lo stesso gli ha rivolto contro la spada laser di Rey e lo taglia in due. Applausi. Sembrava potentissimo, è grazie a lui che i due giovani si “connettono”, poi fa una fine ridicola. Lo avrei visto meglio in Balle Spaziali. Uno stratega così brillante non si vedeva da tempo, grazie per le emozioni che ci hai regalato.

Kylo Ren e Rey: il loro futuro è scritto, o scopano o si ammazzano (e la seconda sarebbe bene per tutti). Però il loro combattimento è una delle poche cose positive di questo film. Il loro dialogo da un capo all’altro della galassia? Ma per piacere: questi al momento della storia sono ancora degli apprendisti il che vuol dire che non conoscono a fondo tutti i segreti della Forza. I dialoghi a distanza siderale non li facevano nemmeno Yoda e Obi-Wan Kenobi o l’Imperatore e Darth Vader e ci riescono quei due? Notizia: la Forza nella nuova trilogia non serve a un cazzo di nulla. Tutto quello che è stato narrato nei film precedenti non vale nulla. Kylo Ren/Ben Solo capisce di avere l’occasione della vita per comandare la galassia e cerca di portare con sé Rey (stessa cosa di Anakin con Padme nell’episodio 3, toh, che combinazione…). D’altra parte però Rey è tanto buona e convinta di poter salvare quel ragazzo problematico e gli dice “dai, ti porto a casa dalla tua mamma, non vuoi rivedere la tua mamma? C’è anche tuo zio Luke, ha sbagliato ma è tanto dispiaciuto e vuole fare pace. Ci stai?“…ma Rey in fondo vive con disagio questa sua condizione di eroina per caso. E poi Ben Solo ormai è fuori di testa e non sente ragioni.

Chewbacca: ah, c’era anche lui? Non me ne sono accorto. Sfonda una porta, mangia, urla, pilota il Millennium Falcon.

I porgs: non servono a niente (a parte nutrire Chewbacca).

Quelle specie di volpi di cristallo: carine, e almeno servono a qualcosa.

Finn e Rose: ed ecco a voi la banalità politicamente corretta.

Benicio del Toro/DJ (non in quel senso, dai): complimenti per il brillante cameo (pagato a peso d’oro? Potrei scommetterci). Decisamente più a suo agio in altri ambiti cinematografici.

Lupita Nyongo’o/Maz: altro personaggio francamente discutibile e inutile. E altro cameo pagato chissà quanto.

Laura Dern/Holdo: la dottoressa Sattler era molto più a suo agio quando scappava dai velociraptor o esaminava merda di triceratopo. Adesso sembra una vecchia strega rinsecchita coi capelli viola. Almeno non si sacrifica invano.

Capitan Phasma: a cosa serve? A parte a cercare di uccidere Finn.

Leia: ho già detto. Sarebbe stato comunque bello vederla anche nell’ultimo episodio (a meno che non si inventino qualcosa di ignobile con la computer grafica) anche perché Luke…

Luke Skywalker è morto. Ma aveva capito tutto, ovvero Jedi e Sith devono estinguersi perché questo è il vero equilibrio nella Forza. E soprattutto ci ricorda di quanto i Jedi siano babbei: al loro apice hanno permesso che il Signore Oscuro dei Sith diventasse capo della Repubblica e poi Imperatore, ce l’avevano accanto e non si sono accorti di niente, ma che bravi questi Jedi, potenti davvero. Inizia un duello finale con Kylo Ren, lo prende per il culo e svanisce, probabilmente tornerà a dare consigli o a ripetere quanto sono coglioni tutti quanti. Magari tornerà anche il fantasma di suo padre a dire due parole a suo nipote, temo ce ne sia bisogno.

Maestro Yoda: riappare per ripetere le stesse cose dette ne L’Impero Colpisce Ancora e ne Il Ritorno dello Jedi. E per distruggere gli antichi testi dei Jedi che evidentemente non servono e non sono mai serviti a nulla.

Edit: ho voglia di aggiungere un po’ di cose…parliamo della strategia del Primo Ordine e dell’abilità di quell’idiota di Hux? Allora, dopo il massacro iniziale la flotta ribelle conta 3 navi, a corto di carburante e sostanzialmente disarmate. E qui parte un inseguimento inutile che dura praticamente tutto il film…troppo difficile per il Primo Ordine (che come ci dicono a inizio film domina la galassia nda) chiamare altre navi e spazzare via quel che resta dei ribelli? No, aspettiamo così magari gli altri riescono a trovare un modo per organizzarsi e scappare, il solito cliché da cattivo di James Bond. Ovvio che non si possono spazzare via subito tutti i buoni, ma almeno cerchiamo di non portare la storia a una situazione vista e rivista come quella descritta.

A proposito, il ritmo della narrazione: la prima parte è di una lentezza esasperante.

Altra cosa insopportabile: l’atmosfera politicamente corretta per far piacere ai Social Justice Warrior del cazzo: i cattivi sono nazisti, i buoni sono buoni…e abbiamo anche le coppie miste (così Trump o i suoi seguaci si arrabbiano) e su un pianeta lontano i bambini sono schiavi e gli animali trattati di merda, ma noi siamo i ribelli e salviamo tutti. W Bambi e Dumbo (e Disney merda).

Andavano fatte altre cose (e ringrazio l’amico Eversen per il suggerimento): 1. chiarire l’identità di Snoke; 2. chiarire l’origine di Rey; trovare il modo di far morire Leia. Nessuna di queste cose è stata fatta, anzi il regista e chi ha scritto il film hanno fatto solo un disastro.

Personaggi storici dell’universo Star Wars come l’Ammiraglio Ackbar che muore e sembra che nessuno se ne accorga.

L’altra scema che comanda la nave che non dice di avere un piano a Poe…ma perché? Che senso ha? Poi, chiaro, siamo nella merda fino al collo e ci mettiamo anche a fare l’ammutinamento.

Qualcuno può togliere dal cazzo C3PO? Da decenni non fa che combinare o dire cazzate, peggio di Jar Jar Binks.

Con questo film sono riusciti a farmi rivalutare li episodi 1, 2 e 3. Persino l’episodio 7 mi sembra un gran film in confronto a questo, per non parlare di Rogue One che sarà anche uno spin-off ma ha tutto l’occorrente per essere un film degno di essere marchiato Star Wars.

Questo no. Questo è ridicolo. E scommetto che tutte le recensioni positive di critici e siti specializzati siano pagate dalla Disney.

Non c’è logica in questa nuova trilogia. Con la morte dell’Imperatore Palpatine il male era stato sconfitto ma 30 anni dopo non è cambiato nulla. Perché?
La situazione per i ribelli alla fine dell’episodio 8 è la seguente: ci sono Leia (che è già morta), Poe Daemeron, una che forse è una Jedi, un ex soldato imperiale che appena ne ha l’occasione cerca di scappare, una tizia che si è innamorata di lui ma è in coma, qualche droide (di cui uno da eliminare per manifesta stupidità), un gigante peloso, una specie di uccello inutile, qualche altra comparsa, e sono tutti a bordo di una vecchia astronave scassata. Armi: poco o nulla + una spada laser rotta. Alleati: non pervenuti (tranne il fantasma di Luke che poi è morto quindi ciao). Da qualche parte però c’è un bambino con un anello col simbolo della Resistenza! Che culo! La vittoria è nostra! Sembrano i Village People in tournée con le drag queen di Priscilla la Regina del Deserto.
I loro nemici possono contare su un esercito armato fino ai denti e guidato da uno che ha ammazzato suo padre, poi il Leader del Primo Ordine, ha poi cercato di ammazzare l’unica ragazza che gli ha parlato come un essere umano e probabilmente ammazzerebbe anche sua madre (che tanto vola nello spazio). Il secondo in comando è uno squilibrato vittima di bullismo che per qualche strano motivo ha scalato le gerarchie militari e se ne avesse la possibilità incenerirebbe ogni singolo pianeta della galassia.

Adesso dobbiamo aspettare 2 anni per vedere la fine di questa trilogia. Nel frattempo dovrebbe arrivare lo spin-off su Han Solo. Dopodiché speriamo che la Disney torni ad occuparsi di cartoni animati.

Annunci

Captain America – Civil War

Posted in cinema by Ares on maggio 21, 2016

Dov’eravamo rimasti? Ah sì, gli Avengers con enorme sforzo erano riusciti a salvare il mondo dalla minaccia di Ultron (ennesima prova del talento di Tony “genio e sregolatezza” Stark) ma a farne le spese era stato il piccolo stato-città di Sokovia (??) assieme a un non bene precisato numero di persone. A casa mia si chiamano “danni collaterali”, e vorrei anche vedere: preferisci il mondo distrutto o il mondo ancora intero anche se senza qualche migliaia di umani e di uno staterello inutile?

captain-america-civil-war-final-poster

Questioni etiche a parte, un gruppo di Avengers capitanato da Captain America (e chi altri potrebbe capitanare?) arriva a Lagos, Nigeria, per dare la caccia a uno degli ultimi stronzi dell’Hydra che in Captain America Winter Soldier stava per far fuori mezzo mondo (e ancora).

Il problema è che tra gli Avengers ci sono anche le nuove reclute, inclusa quella figa di Wanda Maximoff che, per salvare il suo capitano, fa esplodere il cattivo di turno disintegrando mezzo palazzo in centro città e ammazzando un altro imprecisato numero di persone.

Al che, qualcuno dalle parti dei governi centrali decide di mettere un freno agli Avengers. Alcuni dicono “sì ok, giusto così” (Iron Man) altri “no, col cazzo, voglio continuare a fare come dico io” (Captain America).

Complice testosterone a mille (Captain America va al funerale dell’agente Carter che voleva farsi 70 anni prima, ma scopre che la nipote è forse più figa ma in sostanza non combina nulla a parte un bacio), ego (Iron Man vuole frenare tutti ma solo perché pensa che sia giusto che sia lui a decidere), il ritorno sulla scena di Bucky/Winter Soldier/amico-del-cuore-di-Steve-Rogers, ecco che gli eroi si dividono in fazioni.

Nel frattempo fanno la loro bella comparsa anche Pantera Nera (mai visto, chi è? Non sono un esperto di fumetti, comunque è un figo) e Spiderman (di gran lunga il più riuscito del film) a cui si aggiungono i recenti amici Visione, la Maximoff di cui sopra, coso lì con le ali (Falcon nda), e Ant-Man che è un imbecille ma fa ridere e diventa anche gigante. C’è anche War Machine/Rhodes che facendo a botte con gli altri amici-nemici a momenti ci resta secco, se la cava con la schiena rotta e la paralisi che Stark cerca di curare con una specie di esoscheletro.

La verità è che c’è un uomo proprio cattivo e incazzato con gli Avengers per la questione iniziale di Sokovia tanto che ha ideato un piano perfetto per far sì che si distruggano tra loro mwhhahahahahahahahaaaa….

Ovviamente non funzionerà, ma calci, pugni, esplosioni, superpoteri e bullismo non mancano. Forse un po’ troppo casino con tutti questi eroi, ma alla fine il prodotto è più che soddisfacente.

In tutto questo, Scarlett Johansson riesce ad essere irritante. Personalmente darei tutto in mano a Visione e Thor. Mi piacerebbe sapere dov’è finito Hulk. L’amichetto di Rogers decide di farsi ibernare per non fare più casino. Il cattivo di turno viene imprigionato ma si ha l’impressione che stia per arrivare altro casino, soprattutto alla luce delle varie gemme che stanno saltando fuori e che immagino saranno protagoniste dei prossimi capitoli di Avengers/Thor/Guardiani della Galassia.

Batman v Superman

Posted in cinema, stroncature by Ares on aprile 30, 2016

 

Il niente per 2 ore e mezza.

batmanvsuperman

La storia parte dalla fine de L’Uomo d’Acciaio, il reboot di Superman di qualche anno fa. Metropolis è stata fatta a pezzi dall’alieno in tuta blu e mutande rosse sopra la tuta e dai suoi nemici alieni.
In tutto questo Ben Affleck/Bruce Wayne guarda un suo palazzo che crolla, pensa al danno economico subito e decide che Superman deve morire. Ora, dopo aver visto la trilogia di Batman firmata da Nolan e aver visto un grande attore come Christian Bale interpretare Bruce Wayne/Batman, vedere un simile personaggio con le fattezze e la faccia da ebete di Affleck è davvero un pugno nello stomaco.

Ma andiamo avanti.

Lois Lane scopre che qualcuno vuole fregare Superman il quale scopre l’identità di Batman. In tutto questo appare Lex Luthor che è un ragazzino psicopatico perché il papà lo violentava. È pieno di soldi e non sa parlare, chiunque lo prenderebbe a calci in bocca fino a ucciderlo. Invece no, i soliti ebeti lo aiutano inconsapevolmente e lui scatena il disastro.

Batman quasi uccide Superman ma scopre che le loro mamme hanno lo stesso nome quindi capisce che è Luthor quello cattivo. Chiaro, no? Ma Luthor ha creato un supermostro col cadavere del vecchio nemico di Superman. Ecco che arriva dal nulla Wonder Woman ad aiutare i due supereroi. Poi alla fine ci pensa Superman che salva tutti e muore.

Il mostro viene ucciso. Lex Luthor è in galera ma annuncia l’arrivo di un altro supercattivo spaccaculi.

Nel frattempo appaiono anche Flash e Aquaman e un Cyborg.

Superman in realtà non è proprio morto, senza di lui è impossibile fare il film della Justice League.

In sostanza, Marvel batte DC Comics. E dopo la trilogia di Nolan, Batman non deve più essere protagonista di nessun film. Per farla breve, questo film è inutile.

Star Wars Episodio VII – Il Risveglio della Forza

Posted in cinema, mezze stroncature by Ares on dicembre 18, 2015

Ho fatto finta di niente fino a un mese fa, quasi non volessi aver più nulla a che fare con Star Wars dopo la seconda trilogia (che col passare degli anni sopporto sempre meno).

Poi, vinto dai trailer, ho deciso di acquistare il biglietto: 16 dicembre, ore 16:30 (primo spettacolo presso il multisala prescelto) ed evitare così le minacce di spoiler.

Buio in sala.

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…

star-wars-il-risveglio-della-forza

Pensavate che fosse tutto finito con la seconda Morte Nera distrutta in orbita della luna boscosa di Endor? Pensavate che fosse tutto finito con la morte dell’Imperatore e di Darth Vader?

Sì. Io lo speravo ancora di più dopo aver visto gli episodi 1, 2 e 3.

E dopo aver visto il settimo episodio ne sono ancora più convinto.

Perché credo di aver visto una sorta di remake degli episodi precedenti, tutto condensato in 2 ore e con personaggi dai nomi diversi (ma in fondo sono gli stessi) più qualche vecchio protagonista messo lì più per volere dei fans che per altro.

Andiamo con ordine AVVISO SPOILER – SE NON AVETE VISTO IL FILM ALLONTANATEVI O APRIREMO IL FUOCO

Prima curiosità: i vecchi personaggi hanno ripreso i nomi originali. Jan Solo è Han Solo, Leila è Leia e così via.

Non c’è un eroe, ma c’è un’eroina (non quella di Trainspotting): evidentemente a Hollywood va di moda avere delle giovani donne, possibilmente attraenti, che volenti o nolenti diventano l’ago della bilancia e protagoniste dell’avventura. In questo senso Rey, interpretata dalla semisconosciuta e brava Daisy Ridley, assomiglia molto alla Katniss Everdeen (Jennifer Lawrence) di Hunger Games. Una novella Luke Skywalker tanto che il suo legame col vecchio maestro verrà, come si intuisce, spiegato tra un paio d’anni (Episodio VIII). Ah, questa scopre la Forza e in due secondi riesce anche a fronteggiare (e sconfiggere) il cattivo di turno con tanto di spada laser appartenuta a Luke (ma come? La spada è blu, e sappiamo che la spada blu di Luke è precipitata nel vuoto assieme alla sua mano alla fine de L’Impero Colpisce Ancora, boh). Rey vive in un posto inutile in mezzo al deserto e aspetta qualcuno, “la mia famiglia” dice lei. Anche Luke abitava in un posto ugualmente inutile e aspettava qualcosa (voleva andarsene, poi gli hanno carbonizzato gli zii e allora si è unito a Obi Wan Kenobi). Lei si sposta con una specie di sprinter, come Luke. È una bravissima pilota, come Luke. Solo una coincidenza, mica si saranno accorti delle somiglianze tra i personaggi in fase di stesura della sceneggiatura, no?

Il cattivo è Kylo Ren, figlio di Han Solo e della Principessa Leila. Si capisce come sia stato padawan di Luke salvo poi incazzarsi e mandare tutto a puttane irretito dal Lato Oscuro. Kylo Ren (nato Ben Solo) sembra un ragazzino con tanti problemi coi genitori, un brutto carattere e incapace di gestire la rabbia. In sostanza è uguale ad Anakin Skywalker/Darth Vader che venera coma una divinità senza averne un briciolo del carisma/potere. Voglio dire: quando c’erano problemi o imprevisti Vader camminava, diceva due parole e poi strangolava il malcapitato di turno. Kylo Ren invece sguiana (?) la spada laser e spacca tutto. Si fa infinocchiare da Rey perché probabilmente all’epoca dell’apprendistato da Skywalker lei era più in gamba di lui (girl power!), o forse perché sotto sotto lui è innamorato di lei (e se fanno una cazzata del genere sarà solo per volere della Disney). In questo film lui è (o dovrebbe essere) il cattivo spaccaculi, ma finisce col farsi prendere a calci in culo da lei che non sa una mazza. Sa solo uccidere suo padre in un vero colpo di scena che rimanda alla morte di Obi Wan nell’episodio IV (e questo mi fa pensare che Harrison Ford abbia fatto questo film solo perché implorato dalla produzione alla disperata ricerca di un collegamento con la trilogia originale). Se non avete capito, ve lo ripeto: Han Solo muore. Trafitto dalla spada laser del figlio e gettato nel vuoto. E suo figlio è uno sfigato.

Poe Dameron: interpretato da Oscar Isaac, una sorta di pistolero/cowboy che arriva col suo caccia e spacca tutto. È simpatico e me lo vedo come nuovo Han Solo di questa nuova trilogia.

Il droide BB-8: è buffo e, ma guarda un po’, nasconde una cosa importantissima che serve tipo a tutti: il Primo Ordine gli sta dando la caccia mentre gli altri vogliono portarlo a casa (stessa cosa di R2D2 nell’episodio IV).

Finn: stormtrooper imperiale pentito, diventa amico di Rey (e forse lui vorrebbe altro). Eroe suo malgrado, farà di tutto per aiutare la giovane. Bell’esempio di amicizia tra un ragazzo nero e una ragazza bianca nel segno dell’amore e della fratellanza (buonismo Disney?). Mi sono sempre chiesto: nell’universo di Star Wars ci sono un sacco di alieni, perché non usare una di quelle centinaia di razze per un nuovo eroe? Mica c’è solo Chewbacca.

Il generale Hux del Primo Ordine sembra una checca isterica. La mega adunata ricorda i nazisti di Iron Sky.

Il supremo capo del Primo Ordine via ologramma appare in formato gigante. E’ Gollum, si sa solo che il figlio di Han Solo è diventato quello che è anche per colpa sua.

Capitan Phasma: è Brienne di Tarth, solo che è coperta da una maschera. Senza spadone e fuori dai confini di Westeros perde tutto.

La base Starkiller: è una super Morte Nera (risucchia una stella e con un solo colpo spazza via diversi pianeti) costruita all’interno di un pianeta e col solito punto debole sgamato in un baleno e opportunamente utilizzato per distruggerla. L’Alleanza aveva distrutto DUE VOLTE la Morte Nera, possibile che quelli del Primo Ordine non abbiano capito niente dagli errori passati dell’Impero?

Han Solo: ruba la scena. Il vecchio Harrison Ford è diverse spanne sopra tutti, anche senza cappello da Indian Jones. La scena tra lui e Kylo Ren in cui il padre cerca di redimere il figlio è l’apice del film e il grande colpo di scena dell’episodio VII.

Leila: non più principessa, ora è generale. Invecchiata male, alla disperata ricerca del fratello e del figlio, perderà il grande amore della sua vita. Ma da vecchia saggia sembra avere un buon ascendente su Rey.

Chewbacca: il solito Ciube, una garanzia, e anche lui sarà una spalla importante per Rey.

I vecchi droidi C3PO e R2D2: il primo è inutile, il secondo si sveglia misteriosamente alla fine del film per dirci dove si trova padron Luke.

Appunto, e Luke Skywalker? Il vecchio Jedi adesso fa l’eremita a Skellig Michael e spera che tutti si siano dimenticati di lui. Appare solo alla fine, non dice una parola, ma quando Rey lo trova e gli mostra la spada laser capisce di essere di nuovo in ballo. Spero che chieda a qualcuno chi e come è riuscito a ritrovare la sua vecchia spada laser e se c’era ancora la mano attaccata.

Il film per fortuna ha tutto di Star Wars: astronavi, pianeti strani, buoni contro cattivi, alieni, mostri, attimi di pausa che fanno sorridere, il conflitto interiore che anima alcuni dei personaggi. C’è tutto quello che ha reso Star Wars la più straordinaria saga del cinema nonché un fenomeno di cultura popolare che non conosce crisi e che, anzi, continua a raccogliere nuovi fans. Bravo Abrams per aver usato tanti modellini e non aver sacrificato la magia sull’altare della computer grafica; a proposito, i nuovi/vecchi caccia X-Wing e Tie Fighter hanno un sacco di dettagli in più e sono veramente belli cosi come le scene delle battaglie aeree. Il Millennium Falcon ha ancora problemi col motivatore dell’iperguida, ma è il pezzo di ferraglia più veloce della galassia. La regia di Abrams è perfetta per film del genere.

La cosa che mi fa male è vedere poca originalità nella trama: ci sono troppi richiami alle situazioni dei vecchi film, troppe cose che sono semplicemente rifatte. Sarebbe stato più interessante capire come si è giunti alla situazione Primo Ordine vs Resistenza/Repubblica, non voglio aspettare altri due film perché temo che questo sia un aspetto che non verrà trattato adeguatamente. Avrebbero dovuto investire molto di più su questa parte della trama.

Ma il problema davvero grosso è un altro, e purtroppo va ad intaccare l’elemento fondamentale dell’universo di Star Wars.

La Forza. I maestri jedi, e penso a Qui Gon Jin e Obi Wan Kenobi, Yoda e Mace Windu fino agli Skywalker hanno dovuto intraprendere un addestramento lunghissimo prima di padroneggiare i propri poteri. Rey invece sfiora la spada laser, ha dei flashback che chiariscono parte del suo passato e all’improvviso inizia a fare cose impensabili: dall’uso della voce per farsi liberare a resistere agli attacchi di Kylo Ren arrivando a sconfiggerlo dopo aver preso in mano la spada per la prima volta. Si capisce che la Forza scorre potente in lei, ma i sei film precedenti ci hanno insegnato che la Forza è talmente potente che senza addestramento è impossibile da controllare, addirittura impossibile da percepire, ed è facile venirne distrutti. Per quanto mi riguarda questa è una grave pecca, come può Rey avere una simile padronanza se, da come si vede nei suoi ricordi, è stata abbandonata su Jakku che era solo una bambina? Troppo poco esperta. Forse deve esser cosi perché scopriremo che Rey farà ciò che doveva fare Anakin, ovvero riportare l’equilibrio nella Forza? Restiamo in attesa.

Sinceramente mi aspettavo di meglio, ma non voglio credere alla morte della saga. Voglio credere invece che sia l’inizio di un’ultima grande avventura che, ahinoi, dovremo aspettare ancora per tanto tempo prima di vederne la fine. L’appuntamento con l’episodio VIII è fissato per il 26 maggio 2017, che la Forza sia con voi.

Interstellar

Posted in cinema by Ares on novembre 16, 2014

Rage against the dying of the light

interstellar

Film che inevitabilmente divide pubblico e critica tra osannatori e stroncatori. Se non lo avete visto non continuate la lettura (spoiler in arrivo).
Non mi sento di potermi schierare con nessuna delle due fazioni: Interstellar ha sicuramente degli enormi pregi e Nolan conferma la sua bravura, ma ci sono anche delle incongruenze e/o buchi nella sceneggiatura che non possono non lasciare l’amaro in bocca o quantomeno un senso di scoramento per le mancate risposte.

Cosa ha voluto (o cercato di) dirci Christopher Nolan con Interstellar? Che potremmo salvare le persone che amiamo anche nel modo più impensato e l’Amore vince su tutto (bah…)? O che faremmo meglio a trattare bene questo pianeta perché non abbiamo un’altra casa e sarà molto difficile andarsene dalla Terra e colonizzare altri pianeti (molto più sensato e realistico)? Il regista dice che e’ un film ottimista e ricco di speranza…

Vero, ma questo e’ solo un film.

Nella realtà saremmo tutti fottuti.

Di sicuro dice che se spedisci una sonda su un pianeta di un’altra galassia, e questo pianeta e’ vicino a un buco nero, NON devi andare a recuperarla.
Ci dice anche che se spedisci Matt Damon su un altro pianeta della stessa galassia del pianeta precedente e vai a salvarlo lui cercherà di ucciderti. E questo perché Matt Damon e’ Jason Bourne. Se vi interessa scoprire cosa non va davvero in Interstellar leggete questo post.

Domande fondamentali: Interstellar e’ un bel film? Un capolavoro? O una cagata pazzesca (cit.)? Direi che e’ un buon film; non credo sia un capolavoro e nemmeno che sia una cagata pazzesca.

Recitato in modo impeccabile, con McConaughey in stato di grazia assoluta e ottimamente supportato da Anne Hathaway, Michael Caine e Jessica Chastain. Scenografia spettacolare e “kubrickiana” al punto giusto (Saturno e la pioggia, straordinario). Colonna sonora eccellente come in ogni film di Nolan. Citazioni colte letterarie (Dylan Thomas, che classe) e non (inevitabili i riferimenti a 2001). Ma questi sono solo aspetti tecnici.

Il resto (e quindi il giudizio definitivo) e’ ancora poco chiaro.

Inside Llewyn Davis – A Proposito di Davis

Posted in cinema by Ares on marzo 6, 2014

Torno a scrivere qualcosa…così quelli con la barba son più contenti…

L’ultima fatica dei Fratelli Coen sembra fatta ad uso e consumo degli amanti della musica folk.

a-proposito-di-davis

E posso capire benissimo chi ha scritto/detto “non mi piace, non succede nulla, che palle”.

Intendiamoci, le (dis)avventure di uno sfigatissimo folk-singer newyorchese dei primi anni Sessanta possono davvero sembrare la cosa meno interessante del mondo, ma la fortuna di questo film e quindi la bravura degli autori sta nell’aver trovato un buon soggetto, un cast perfetto e aver saputo rendere l’atmosfera gelida della New York invernale (il Greenwich Village e il mitico Gaslight Cafe) calda e affascinante tanto da riuscire a strappare un sorriso anche al più scettico degli spettatori.

Llewyn Davis (ispirato al realmente esistito Dave Van Ronk e impersonato da un ottimo Oscar Isaacs anche nelle vesti di cantante e chitarrista) è uno squattrinato cantautore, alla disperata ricerca dell’ultima possibilità per dare una svolta alla propria vita e alla propria arte. Circondato da amici (?), un micio (sì, un gatto, e tenetelo d’occhio) e personaggi surreali (magnifico John Goodman) lo seguiremo per quasi 2 ore tra la Grande Mela e Chicago per scoprire…

Non ve lo dico, dovrete guardarlo.

P.s. Colonna sonora straordinaria.

Tagged with: , ,

Super 8

Posted in cinema, stroncature by Ares on giugno 24, 2011

Quando Cloverfield, o il suo cugino più piccolo, incontra E.T.

Super 8, ultima fatica di JJ Abrams, è esattamante questo. Un gruppo di ragazzini sta cercando di fare un film ma si trova ad essere testimone di uno spaventoso incidente ferroviario in cui l’uomo che lo ha causato, facendo un frontale col treno in corsa, naturalmente sopravvive per dire ai ragazzini che moriranno tutti. E molto presto. E quando in un film uno dice “moriremo tutti” in genere c’è da credergli…Predator docet.

Qui inizia la fase Cloverfield del film, ovvero c’è una presenza (uomo? donna? animale? vegetale? terrestre? subacqueo? Pippo Baudo?) in giro per la città che si diverte a far danni e a far sparire la gente. Ma tipo che ruba i motori delle automobili, fa mancare l’elettricità…cose del genere, da vero buontempone.

Ma ci pensano i ragazzini, e soprattutto quello innamorato della ragazzina (che è la sorella di Dakota Fanning, la bimba fastidiosa che faceva la figlia di Tom Cruise ne La Guerra dei Mondi nda), che scoprono la truffa dei soliti militari (ma questa volta non sono i marines), salvano lei, scoprono il mostro e si arriva alla cazzata da E.T. che non vi voglio svelare. Prima della cazzata finale ci sono 5-10 minuti di caccia al mostro e guerra con artiglieria pesante proprio come in Cloverfield.

Insomma, JJ Abrams voleva fare il suo solito lavoro misterioso, ma dev’essere stato Steven Spielberg in produzione a dirgli “no, col cazzo! ci vogliono i buoni sentimenti e happy-end, è cosi che si fanno i soldi“…e infatti Spielberg aveva iniziato con Duel e Jaws (Lo Squalo) per poi passare ad altre opere meno crudeli facendo soldi a palate…ha ragione lui, niente da dire.

Ma fare Cloverfield 2? No? Oppure spiegare una volta per tutte un paio di cose a proposito di Lost? No?

No. Va beh…adesso aspetto quell’altra roba degli alieni e i cowboys che farà ridere un sacco.

p.s. solo ed esclusivamente per Adriano aka Evaristo aka V for Vainmona aka Io Sono Tuo Padre aka paladino dell’allevamento di Mostri di Cloverfield gestito da David Beckham: non racconto mai la trama dei film.

Thor

Posted in cinema by Ares on maggio 7, 2011

Film bullo con un protagonista bullissimo.

Se poi il protagonista bullissimo è anche un dio armato di martello e il tutto è immerso nell’universo della Marvel Comics allora la soddisfazione è garantita.

Vale lo stesso discorso per tutti i film sui supereroi: se non vi piacciono o non conoscete nulla forse è meglio se andate a vedere altro.

Thor è un selvaggio attaccabrighe che ha solo voglia di picchiare tutti a martellate, quindi suo padre Odino (Anthony Hopkins) lo caccia via e lo manda sulla Terra dove diventa mortale.

Fatto è che va a sbattere contro Natalie Portman nel ruolo di quella che fa rinsavire l’eroe e gli fa capire che la guerra non è tutto. Botte da orbi, Thor salva l’universo e vissero felici e contenti (quasi).

C’è di mezzo anche l’agente dello S.H.I.E.L.D. già visto in Iron Man…immagino che arriveranno poi a fare il film sugli Avengers.

Thor: promosso. NOn promuovo invece la moda dei film in 3D…belli i primi 20 minuti, poi basta.

Tagged with: , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: