Le Grandi Recensioni

Django Unchained

Posted in cinema by Ares on gennaio 31, 2013

Altra conferma (se c’era bisogno) della bravura di Quentin Tarantino.

django

Se vi è piaciuto Bastardi Senza Gloria allora non potrete non apprezzare Django Unchained.

Tarantino si diverte e fa divertire. Non sbaglia nulla: dalla colonna sonora agli attori, dalle location ai dialoghi in cui si possono trovare le digressioni filosofiche che hanno reso immortali i suoi film, Django Unchained scorre per quasi 3 ore senza un attimo di tregua e facendo tenere gli occhi incollati allo schermo.

Battute memorabili, come il breve dialogo tra il nuovo Django (Jamie Foxx bravissimo) e l’originale (Franco Nero che si presta al gioco), le battute sferzanti di un Samuel L. Jackson immenso, il parlar forbito del dottor Schultz (Cristoph Waltz) e un Leonardo DiCaprio perfettamente a suo agio nei panni del ricco proprietario terriero, bianco e schiavista.

L’epica vendetta di Django alla ricerca di chi tiene schiava la moglie ricorda la quest della sposa Uma Thurman in Kill Bill e il commando capitanato da Brad Pitt in Inglorious Basterds, sol oche qui siamo negli USA pre Guerra Civile, in pieno schiavismo e un “negro a cavallo” (cit.) è sempre qualcosa di strano o materia da rendere grottesca. E la bravura di Tarantino si vede anche nei personaggi di contorno, che in questo caso sono anche i classici idioti che fanno una brutta fine…magari dopo averti fatto ridere parlando di sacchetti da mettere in testa…

Adesso mi chiedo che cosa potrà inventarsi Tarantino. Il terzo capitolo di Kill Bill? O tornerà ad omaggiare i film e i generi che ama magari riproponendo qualche vecchio poliziesco anni 70?

Attendo con ansia. Nel frattempo, Django vince.

Annunci

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. kitgibbs said, on gennaio 31, 2013 at 09:47

    Sarebbe stato un bel film e anche piuttosto divertente se non fosse andato a rompere le scatole al tema della schiavitù americana,secondo me. Ci sono temi su cui si scherza e altri su cui sarebbe meglio non scherzare troppo,si rischia quasi la presa per i fondelli di un tema piuttosto forte che non andrebbe sdrammatizzato così tanto.

    Mi piace

    • Evaristo said, on febbraio 3, 2013 at 21:28

      Giusto, invece Hitler e l’olocausto sì? A questo punto propongo di bannare Tarantino dall’albo di registi.

      Mi piace

      • Evaristo said, on febbraio 3, 2013 at 21:31

        dei…santo cielo queste tastiere razziste…

        Mi piace

  2. Attila said, on gennaio 31, 2013 at 12:36

    Attento Ares… che adesso ti si scatenano contro i fan di Spike Lee che per dire “negro” devi avere il colore della pelle giusto!

    Cordialità

    Attila

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: