Le Grandi Recensioni

Lou Reed & Metallica – Lulu

Posted in dischi, mezze stroncature, musica by Ares on ottobre 27, 2011

Uno degli album più attesi dell’anno finalmente è giunto alle mie orecchie…

Più che l’attesa, è (stata) grande la curiosità per questo lavoro: troppa la distanza tra gli artisti, troppo grande la differenza stilistica e l’approccio alla musica.

Da un lato uno sperimentatore come pochi, l’uomo che è riuscito a spacciare Metal Machine Music per un album, dall’altra i cavalieri del thrash metal per antonomasia.

Il risultato è un doppio album, con canzoni belle lunghe (pure troppo…i 19 minuti della conclusiva Junior Dad con i suoi 6 minuti abbondanti di nulla finale, eccessivo è dir poco) in cui i Metallica fanno i Metallica, ma senza assoli di Kirk Hammett, e Lou Reed fa Lou Reed, ovvero parla, o recita, o per dirla in parole povere sta davanti al microfono a delirare come un poeta beat all’apice dello sconvolgimento psicologico. Voglio dire, Mistress Dread sembra Motorbreath con Lou Reed che recita Ginsberg, così è più chiaro il concetto?

In sostanza una sorta di gigantesco mash-up che potrà piacere ai cultori del genere…ma secondo me questi ci stanno prendendo per il culo. Come nel brano d’apertura, Brandeburg Gate, in cui la chitarra acustica la fa da padrone per i primi 50 secondi, poi entrano i Metallica e il disco va avanti così per quasi 90 minuti.

Oh, dai, non mancano gli spunti interessanti com in Cheat On Me (appena 11 minuti) o l’intero secondo disco con l’iniziale Frustration che, grazie a un riff pesante che puzza di stoner e Black Sabbath, offre la base perfetta per il recitare ipnotico e stralunato di Lou Reed.

Ma sono solo episodi.

Ok, sono musicisti che dall’alto della loro lunga carriera non hanno poi molto da dimostrare, e grazie allo status raggiunto possono permettersi di fare più o meno quello che vogliono. Di sicuro non è un prodotto commerciale, e questo è un pregio.

Ma si poteva far di meglio.

Annunci

15 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. evaristo said, on novembre 2, 2011 at 01:13

    nessuno commenta perche’ non ha parole…ho ascoltato qualcosina.
    ti do’ il giudizio so un solo brano: the view fa cagare animali bruciati da un lanciafiamme difettoso

    Mi piace

  2. Riccardo Zep Zappaterra said, on novembre 2, 2011 at 01:18

    tralasciando che la fusione di due mondi musicali così distanti tra loro indubbiamente possa generare una porcheria, c’è da considerare che l’unica cosa buona che hanno fatto uscire i metallica negli ultimi 4 anni è guitar hero

    Mi piace

  3. evaristo said, on novembre 2, 2011 at 08:27

    PS: ma quello in copertina e’ Marilyn Manson?

    Mi piace

  4. maudit said, on novembre 11, 2011 at 17:04

    il disco non lo si capisce se non si tiene a mente la base prettamente e dannatamente blues….

    va seguito come se le tracce fossero più di una perchè porta avanti diversi percorsi…

    una delle cose meno banali che abbia ascoltato da anni

    Mi piace

  5. Andre said, on novembre 21, 2011 at 16:24

    Beh io ho ascoltato qualcosa sommariamente… Penso che il risultato sia pessimo. Come fanno gente come i Metallica che hanno fatto album stupendi a non accorgersi che la cosa faccia schifo??? Come si può vendersi completamente e infangare il proprio nome?? Perché non si ha il buon gusto di fare progetti sperimentali sotto altro nome?? Avrebbero potuto fare anche un disco di free jazz mischiato a lirica e rock blues Heatfield e compagni ma non sotto il nome di Metallica c’è un limite a tutto.. Alla fine uno come Mustaine si è dimostrato strafedele alla linea sulla lunga distanza.

    Se sei Metallica fai metal, se sei pinco palllo fai ciò che vuoi.. Io è per questo che da dopo il 91 non li stimo più, mi sembra si siano venduti in maniera integrale. Erano i migliori e adesso che continuano a reinventarsi in maniere sempre più ambigue mi sembrano dei buffoni.

    E’ così.. Il thrash metal è qualcosa che ha anche un retrogusto culturale e una fedele linea di pensiero dietro.. se perdi il mordente perdi il senso che c’è dietro a questa musica.

    SE FAI SPERIMENTI BIZZARRI E INUTILI NON TI FAI CHIAMARE METALLICA PER VENDERE DI PIù!!!!

    p.s. il disco è comunque un flop tra le altre cose…

    Mi piace

    • Ares79 said, on novembre 21, 2011 at 16:35

      Ovvio che sia un flop, è una cagata pazzesca!
      Poi ognuno è libero di suonare quel che gli pare, ma ascoltare dei demo dei Metallica con Lou Reed che rantola parole a caso non è musica. Siamo forse di fronte alla versione 2011 di Metal Machine Music.

      Mi piace

  6. sal said, on novembre 25, 2011 at 20:11

    Bello bello bello….in un mondo dove tutto è diventato di plastica, preconfezionato (rock compreso), un disco che è un gigantesco va…..lo a tutto quello che la gente si aspetta di sentire. Duro, cupo, ostico e volutamente nauseante e ripetitivo, Lou Reed ci ha regalato un nuovo Metal Machine Music, e i Metallica hanno dimostrato per l’ennesima volta di fregarsene di ciò che si deve o non si deve fare in ambito “metal”. Grandi, questa è l’essenza stessa del rock. Capolavoro.

    Mi piace

    • Ares79 said, on novembre 26, 2011 at 10:49

      …essenza stessa del rock…capolavoro…
      mah…

      Mi piace

  7. Julius said, on novembre 26, 2011 at 11:12

    Per ora la discussione si mantiene moderata…ma non sarei stupito se arrivassero i “talebani” dei Metallica a difendere questo discutibilissimo capolavoro.
    Comunque l’ultimo commento mi ricorda tanto le lodi sperticate che il rag. Filini faceva della corazzata Potemkin.
    Sappiamo tutti come va a finire quella scena.

    J.

    Mi piace

    • Ares79 said, on novembre 26, 2011 at 12:16

      I talebani dei Metallica sono i primi a dire che Lulu e’ una cagata pazzesca (per restare in tema Fantozzi e Corazzata Potemkin)…

      Mi piace

    • sal said, on novembre 26, 2011 at 13:09

      Cito: “L’espressione colorita di Fantozzi, e l’intero episodio del film con Paolo Villaggio, hanno contribuito a rendere La corazzata Potëmkin un esempio paradigmatico di come viene visto popolarmente il cosiddetto cinema d’essai: lento, lungo e insopportabile ai più.” Ecco, non mi permetto di paragonare Lulu all’opera di Sergej M. Ejzenštejn, ma con questo disco è successa una cosa simile alla vicenda fantozziana da te citata: lento, lungo e insopportabile ai più, capolavoro per qualcun’altro. Personalmente non mi sento nè “snob” nè “radical chic” o chissà che…credo semplicemente che il disco sia una delle pochissime cose veramente oneste e genuine che mi sia capitato di ascoltare negli ultimi anni. E non ci sono “talebani” qui…

      Mi piace

      • evaristo said, on novembre 30, 2011 at 13:39

        Quindi Lulu e’ un disco diciamo “d’essai”? Quindi una cagata pazzesca, appunto.

        Mi piace

  8. senek said, on febbraio 25, 2012 at 12:28

    si vede che non capite nulla di musica….il disco è quasi perfetto!!!
    grandi mettallica grande luu

    Mi piace

    • Ares said, on febbraio 25, 2012 at 16:06

      Invece applaudire i deliri di Lou Reed su imbarazzanti basi dei Metallica vuol dire essere degli intenditori…eh gia’ senek, hai capito tutto.

      Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: