Le Grandi Recensioni

Robert Wyatt – Rock Bottom

Posted in dischi, musica by Ares on agosto 19, 2011

La storia della musica rock è segnata da grandi capolavori.

E tra i capolavori ci sono alcune opere che vanno oltre la definizione di capolavoro.

Probabilmente se Robert Wyatt non fosse precipitato dal quarto piano sfasciandosi la schiena per finire su una sedia a rotelle quest’album non sarebbe diventato quello che si ascolta oggi. Probabilmente non sarebbe mai esistito.

La caduta (fisica e non) e la conseguente voglia di risorgere di Wyatt gli ha permesso di forgiare un’opera magnifica e struggente, in cui la musica e le parole si fondono in un’atmosfera dolce e sognante, lontana dalle sperimentazioni folli dei Soft Machine (di cui Wyatt fu batterista) o dei Matching Mole.

Aiutato da amici della scuola di Canterbury, aiutato da un giovanissimo Mike Oldfield e prodotto da Nick Mason dei Pink Floyd, Robert Wyatt in Rock Bottom descrive e canta l’inizio della sua nuova vita in un’opera tanto importante quanto difficile da capire al primo ascolto.

Capolavoro.

 

Annunci

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. madpack said, on agosto 19, 2011 at 08:40

    e the end of an ears?

    Mi piace

    • Ares79 said, on agosto 19, 2011 at 08:44

      Preferivi una recensione su The end of an Ear? O vuoi scrivere qualcosa su Rock Bottom ovvero restare in tema con la recensione?

      Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: