Le Grandi Recensioni

David Bowie – Scary Monsters

Posted in dischi, musica by Ares on giugno 15, 2010

Low, Heroes e Lodger. Ovvero la “trilogia berlinese” di David Bowie: 3 album frutto della collaborazione con gente del calibro di Iggy Pop (scambio di favori, pensate a The Passenger), Lou Reed (diciamo come “fonte d’ispirazione”? Ci sono svariate leggende sulle gesta dei due nella Berlino dell’epoca) e Brian Eno (e molti altri ancora tra cui un certo Robert Fripp).

Dopo un tris d’assi del genere era normale tirare i remi in barca e lasciarsi andare, no?

No. Se ti chiami David Bowie, la risposta è no.

E solo David Bowie poteva concepire Scary Monsters dopo la trilogia berlinese…

Allora, secondo alcuni critici dell’epoca (1980), Scary Monsters rappresenta il raggiungimento del perfetto equilibrio dell’arte di David Bowie. Altri lo avevano definito come un album tragico e negativo come e piu’ di Diamond Dogs del 1974. In genere la critica gli diede, giustamente, il massimo dei voti.

Mio modesto parere: Scary Monsters è il miglior album di David Bowie dopo il superclassico e perfetto Ziggy Stardust. Ci sono gli echi del passato glam-rock uniti alle sperimentazioni elettroniche che tanto avevano influenzato la trilogia berlinese. Ci sono ospit illustri come Robert Fripp e Pete Townshend (e Roy Bittan della E Street Band) e la presenza di una cover (Kingdome Come di Tom Verlaine, quello dei Television, basta?). Ci sono alcuni brani che definire belli o perfettamente riusciti e’ riduttivo: Ashes To Ashes, Up The Hill Backwards, Teenage Wildlife, Scary Monsters (and Super Creeps), Fashion.

Soprattutto, Scary Monsters è l’ultimo grande disco di David Bowie prima dell’appannamento degli anni 80/90 durato fino a Earthling, quasi un ventennio di prove poco lucide, sfocate, con solo qualche lampo del genio passato.

Voto: ai limiti della perfezione

Consigliato: a tutti, soprattutto a chi non conosce David Bowie.

Annunci

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. evaristo said, on giugno 15, 2010 at 21:56

    Earthling…parliamone! non in negativo, solo parliamone

    Mi piace

    • skonch said, on giugno 16, 2010 at 06:45

      Earthling, per me, è un gran disco…credo di averlo consumato da quanto l’ho ascoltato!

      Mi piace

      • evaristo said, on giugno 16, 2010 at 08:10

        si, concordo pienamente

        Mi piace

      • Ares79 said, on giugno 16, 2010 at 16:03

        ok, parlero’ di Earthling…

        Mi piace

  2. byrds73 said, on ottobre 26, 2013 at 11:11

    …ma scusatemi, dov’è che Lou Reed collabora con Bowie nei tre album cosiddetti “berlinesi”?

    Mi piace

    • Ares said, on ottobre 27, 2013 at 08:32

      Errore mio. Intendevo dire che nel periodo berlinese Bowie e’ stato influenzato dalla frequentazione dei suddetti personaggi. Poi effettivamente Lou Reed non appare nei dischi della trilogia (come invece Iggy Pop e Brian Eno).

      Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: