Le Grandi Recensioni

Ritmo Tribale – Mantra

Posted in dischi, musica, richieste by Ares on aprile 19, 2010

richiesto da Skonch (che ringrazio per avermi fatto riscoprire cose magiche che avevo dimenticato)

Un altro schiaffone a chi dice che in Italia il rock non è mai esistito e mai esisterà.

Uno schiaffone a tutti quelli che pensano che il rock in Italia sia stato solo ed esclusivamente Vasco Rossi e/o Ligabue.

Se c’è una band che gente affermata come Afterhours (si dice che Manuel Agnelli decise di iniziare a cantare in italiano dopo averli ascoltati) e Negrita devono ringraziare, questa si chiama Ritmo Tribale. A cavallo degli anni 80 e 90 questi milanesi portarono nel belpaese degli Umberto Tozzi e Ricchi e Poveri un sano, sanissimo e saggiamente arrabbiato hard rock (e grunge) di matrice americana.

Anno di grazia 1994…annata memorabile per mille ragioni: la morte di Cobain e la pubblicazione di Definitely Maybe e Parklife che fanno esplodere la mania brit-pop; dagli USA arrivano Jar Of FliesVitalogy e Superunknown e il movimento grunge è all’apice; l’ultima versione dei Pink Floyd esce con The Division Bell e relativo tour (e il 15 settembre del ’94 li ho anche visti, ma è un’altra storia nda).

In Italia? Pubblicato In Quiete dei CSI e le solite cose di Ligabue, Jovanotti, ma anche Battiato, esce Mantra, quinto album dei Ritmo Tribale.

Ottimo esempio di rock made in Italy. Grunge nostrano di pregevole fattura. Hard rock con tutti i criteri del caso.

Cosa rende Mantra un disco degno di nota? La bonta’ della musica, la potenza della band, i testi e la voce di Stefano Edda Rampoldi, personaggio di culto della scena rock italiana del periodo. Il tema del disco e’ il sogno, la musica trasuda sangue, sudore e lacrime, puro rock.

Confesso che avevo del tutto dimenticato i Ritmo Tribale, ma all’epoca il videoclip di Sogna andava alla grande su Videomusic assieme ai primi Negrita o La Terra dei Karma, tutta roba che, ci scommetto, se fosse stata cantata in inglese da una qualsiasi band col nome figo di provenienza estera avrebbe fatto versare fiumi d’inchiostro per mille lodi. Invece, poiché la provenienza è italica, non se ne parla perché sembra essere peccato grave togliere spazio e visibilità ai soliti vecchi nomi nostrani o ai fenomeni da baraccone…esempio: quanti ricordano i Ritmo Tribale e quanti ricordano le Tre Parole di Valeria Rossi? Confessate!

Io ho confessato, e sono davvero felice di avere riscoperto una parte dimenticata della mia adolescenza. Soprattutto, e questa è la cosa importante, sono contento di aver riscoperto una band che suonava e picchiava con rabbia e talento, con qualcosa da dire. Tanto arrosto, invece del solo fumo che ci viene proposto negli ultimi anni, in Italia e all’estero.

Voto: 9

Consigliato: a chi ha voglia di rock.

Ares

Annunci

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sidistef said, on aprile 19, 2010 at 15:50

    Sinceramente non li conoscevo! Dunque confesso…

    Sensazioni dal video che hai messo: la chitarra iniziale è molto hendrixiana, tanto che mi ha ricordato poi un attacco degli Elio in Eat the Phikis, “Tapparella”, per intenderci. Poi scorre piacevolmente…

    Mi piace

  2. Ares79 said, on aprile 19, 2010 at 16:43

    E’ un album molto “americano” e risente del rock americano del periodo: infatti in altre canzoni ci sono passaggi che ricordano i Soundgarden.
    Felice di averti fatto scoprire questo gioiello dimenticato!

    Mi piace

  3. skonch said, on aprile 19, 2010 at 16:45

    ottima recensione…grazie. Di gente che ha qualcosa da dire con la musica ce n’è ( ce n’era???)…anche in Italia, la cosa triste è che bisogna cercarla negli armadi…

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: