Le Grandi Recensioni

Scott Weiland – Happy In Galoshes

Posted in dischi by Ares on aprile 10, 2010

24/01/2009

Grazie Madre Natura per averci dato Scott Weiland.
E grazie a Scott Weiland per essersi dedicato alla musica e al canto.
Per averci deliziato con la rabbia, la classe, l’eleganza e le atmosfere lisergiche degliStone Temple Pilots.
Grazie per averci fatto tornare giovani rocker in fasce coi Velvet Revolver.

E adesso grazie per questo disco che, oddio mi scappa, sembra un capolavoro.
E’ talmente lungo, complesso e variegato che sembra un capolavoro.
E’ dolce e sensuale, esotico, folle e cattivo.

E’ Scott Weiland, uno che se e’ sopravvissuto a un 2008 terribile (divorzio, fine di una band, droga eccetera eccetera…) per fare questo disco e riunire la vecchia band per tour e (speriamo) nuovo disco, allora puo’ essere che ce lo ritroveremo intorno ancora per un bel pezzo.

Happy In Galoshes (regolarmente acquistato da Tower Records, versione doppio-cd a prezzaccio di 11.99€!!! ndA) e’ il degno successore del primo lavoro solista di mr Weiland, quel 12 Bar Blues che resta uno dei dischi piu’ sottovalutati di questo inizio secolo.
E’ un album sperimentale, lisergico, che rende giustizia alla voce e alle qualita’ dell’artista che in ambito Velvet Revolver, specialmente nel secondo lavoro della band (Libertad), risultava un po’ sacrificato.

Per dirla in termini piu’ vicini allo standard del blog, i Velvet Revolver andavano bene per urlare e far casino, ma se uno e’ un cantante, scrive canzoni che parlano anche di cose che gli stanno a
cuore, allora e’ meglio fare il solista e sfogare tutto quello che si ha dentro. Se poi sei anche uno schizzato affetto da disturbo bipolare, hai talento e hai un passato da tossico fuori di testa tanto meglio per le nostre orecchie.

Proprio per questo Happy In Galoshes e’ un gran disco.

Cosa ne pensa Paola Maugeri?

Ares

Edit del giorno dopo: mentre ascolto di nuovo il bel disco di Weiland mi accorgo che il bello e coloratissmo libretto che accompagna il cd e’ poco chiaro e soprattutto assomiglia vagamente a quello che accompagnava uno dei piu’ grandi capolavori musicali degli ultimi anni.

Annunci
Tagged with:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: