Le Grandi Recensioni

Avatar

Posted in cinema by Ares on aprile 10, 2010

19/01/2010

Avatar è un bel film?
Tecnicamente parlando, non credo ci possano essere cose che non funzionano e/o errori. Dal punto di vista del puro intrattenimento, Avatar
è il cinema allo stato puro: racconta una favola, un’illusione, per 2 ore mezza trasporta lo spettatore in un mondo fantastico fatto di luci e colori e tante cose belle, pericolose e affascinanti.


La trama del film è originale? Neanche per scherzo.
Mi dicono che sia uguale a Pocahontas. Io Pocahontas non l’ho visto, ma posso dire che secondo me ricorda moltissimo Balla coi Lupi o anche Piccolo Grande Uomo e tutti quei film in cui il protagonista si arrende all’evidenza che il mondo dei “selvaggi” alla fine
è tanto più figo di quello da cui viene lui e allora è meglio diventarne parte. Se poi finisci anche con l’entrare nelle grazie di un’aliena alta 3 metri, con la pelle blu, gli occhi gialli, che si muove come un gatto e ha la coda…beh, allora voglio farne parte anch’io…

La storia (ripeto: banale e terribilmente politically/ecologically correct) diventa quindi un pretesto per l’impiego di nuove teconologie, tutto qui. E’ una favola e questo lo si sapeva da quando si è iniziato a parlare di Avatar.
Chi
è rimasto deluso forse si aspettava altro (cosa?), immagino.
Chi storce il naso davanti a tanta magnificenza di computer grafica e 3D rimpiangendo i modellini come negli anni 50 forse ha sbagliato film (per la cronaca, adoro le magie del computer, ma la prima trilogia di Guerre Stellari coi suoi modellini per me resta sempre imbattibile, e senza George Lucas e la sua invenzione probabilmente saremmo ancora ai modellini e allo stop motion coi pupazzi).
Ci sono poi altri che rimpiangono il lavoro degli artigiani di un tempo, coi fondali in cartapesta eccetera…scusate, ma l’arte si evolve…
è come rimpiangere le tecniche di registrazione degli anni ’20 mentre si ascolta Dark Side Of The Moon…
Ci sono poi quelli che non vanno a vederlo e lo bollano automaticamente come merda perché
è un film di Hollywood e gli americani sono tutti cattivi e “chi ha deciso che è un capolavoro?” eccetera…questi signori evidentemente si accontentano della solita commedia o del solito dramma ambientato nella campagna italiana degli anni 50, in cui non succede un cazzo per 90 minuti…o quelli per cui il cinema è morto dopoUmberto D…o quelli che preferiscono il cinema indipendente del Kirghizistan…proprio quelli di cui senti le proteste quando escono opere come Avatar et similia, mai quando escono i vari cinepanettoni o Pieraccioni o mille altre merdate made in Hollywood e non solo.

Quello che non mi aspettavo nel film
è il vago richiamo ad Asimov (e altri), ovveroGaia.

Non mi aspettavo nemmeno che ci fosse gente pronta al suicidio dopo aver visto il film: tanto lavoro in vista per psicologi e psichiatri.
Il mondo di Avatar è pura fantasia, Pandora non esiste, ma per un paio d’ore può essere talmente bello da sembrare reale.
E’ cinema, magia.

Ares

Annunci
Tagged with: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: